mercoledì 12 luglio 2017

Come da tradizione ecco le simpatiche domandine che pongo SOLO ai veri triathleti :-)

D - E' stato il tuo secondo IRONMAN; quali erano le aspettative, le emozioni, i pensieri nei giorni precedenti la gara?

R - Le aspettative erano di finire la gara al meglio fisicamente e in termini di tempo.Non ero per nulla emozionato, quando ci sono gare cosi lunghe sono sempre molto rilassato (fortunatamente) i pensieri nel pre gara andavano tutti ai NON allenamenti fatti in bike e a nuoto l'ultimo mese, mi impensieriva il fatto di andare in crisi e di non superarle.



D - Il tuo tempo finale nel KIMA? quello nelle varie frazioni? Dove hai "tirato il freno a mano" e dove hai "sputato l'anima"?

R - Cossa xe sto KIMA?  (TRADUZIONE: Cosa è questo KIMA?) hahaha.. cmq a nuoto sono andato in progressione sapendo di non poter spingere sempre e difatti il tempo finale di 1 h e 7 min su 3900 mt mi ha un po deluso.

In bike il primo giro l'ho fatto abbastanza forte al 90° la media era superiore ai 33 km/h poi ho tirato il freno per non giocarmi troppo le gambe, questa frazione è durata 5 h 40 min 31.2k m/h di media ( tutto sommato pensavo peggio sapendo di non essermi allenato molto in bici).

La sorpresa è stata a piedi i primi 10 km mi sembrava di non aver fatto nulla prima. Le prime difficoltà le ho trovate al 21 esimo ma poi vedendo il buon risultato che stavo facendo al 32 esimo ho accellerato per chiudere la maratona sotto le 4 ore. Il mio garmin ha registrato 43.1 km in 3 h 55 min.

Le frazioni di transizione T1 T2 effettivamente le ho fatte con la mia solita calma pero' erano molto distantti: uscito dall'acqua il cambio era a più di 1 km e la bici era in fondissimo ed in mezzo a 3000 bike...per fortuna l'ho trovata e riposizionata senza problemi.

La difficoltà maggiore l'ho trovata in bici



D - Quale percorso di allenamento hai seguito ne gli ultimi 6 mesi?

R - Negli ultimi 6 mesi ho seguito a piedi un allenamento dettato dal mio amico e coach Gianluca Rossato che mi ha portato a fare una maratona incredibile...a nuoto pochi allenamenti ma con potenza e tecnica uguale in bici. In bici sono stato contornato di una sfortuna incredibile, forato 3 o 4 volte durante gli ultimi  2 mesi :P



D - A cosa pensavi nei momenti di difficoltà (sempre se ci sono stati) durante la gara?  

R - In bici al km 100 sono entrato in crisi e ho pensato di rilassarmi godermi il paesaggio aspettando di superare il km 120...difatti subito dopo le gambe hanno continuato a girare bene. 
A piedi ho avuto un paio di difficoltà e il mio pensiero è andato al coach e che non potevo deluderlo.Quindi ho cercato di andar via regolare e di dare tutto negli ultimi km.

PS il km 40 l'ho fatto ad una media di 4 min e 34 sec....ero gasatissimo difatti l'esultanza finale lo prova.



D - In quale delle tre frazioni ti sei divertito di più (o per lo meno hai sofferto di meno)?

R - La frazione migliore ripensando adesso è stata proprio la corsa a piedi. Divertito e sofferto il giusto.



D - Il giorno della gara come ti sei alimentato? Colazione/semi-pranzo del mattino? Durante la bici e la corsa?

R - Come alimentazione ho sempre bevuto e mangiato, pre nuoto barretta e sali minerali, bici ogni 20-30 minuti bevevo e mangiavo, a piedi molta frutta ad ogni ristoro (2.5 km acqua coca cola ) + anguria.



D - Oltre a parenti, amici, morosa ed eventuali coach...chi veramente devi ringraziare per la tua prestazione? 

R - Oltre a tutti parenti amici moglie che mi hanno più o meno sostenuto devo ringraziare me stesso che durante l'anno di allenamento non ho mai mollato...un po' di presunzione? 

Sì e me la merito tutta! Le sveglie alle 4.30 gli allenamenti con il freddo, il caldo , fastidi vari e preoccupazioni tra lavoro, familiari e di non farcela. Devo proprio ringraziarmi di essere arrivato anche questa volta con un sorriso smagliante.



D - Nei tuoi progetti futuri cosa immagini? Altri Ironman? Se si quale ti piacere fare?

R - Futuro: sicuramente la lunga distanza mi si ripresenterà nei prossimi anni magari a Roth (Challenge) chissà.....l'anno prossimo punterò ad un ben fatto 70.3 (voglio farlo bello veloce) lasciamo arrivare con calma il 2018 che porterà nuovi consigli e sfide.

Nessun commento: