martedì 25 ottobre 2016

IRONMAN ITALY emilia romagna 2017

NON CI POSSO CREDERE!!!!!



A settembre 2017 faranno il primo ironman  ITALIANO...

IL PRIMO IRONMAN "MADE IN ITALY"
Sulle coste dell’Emilia-Romagna, una delle regioni italiane più famose nel mondo per le sue bellezze naturalistiche, artistiche e gastronomiche, e 20 km a sud di Ravenna troviamo Cervia antica "città del sale" e "vecchio borgo di pescatori". L’arenile di sabbia finissima, i bassi fondali e le ampie distese della secolare pineta fanno da cornice a questa cittadina già nota in epoca romana e che nell’800 ha intrapreso, in maniera pioneristica, il suo sviluppo turistico fino a creare, nel 1912, la "città giardino" di Milano Marittima e divenire in tempi moderni una delle località di mare più "glamour" d’Italia.
Il perfetto connubio di tutti questi elementi ha fatto sì che Cervia diventasse la destinazione ideale per il primo IRONMAN "MADE IN ITALY".
L’avventura dei triatleti inizierà nelle calme acque romagnole dove bracciata dopo bracciata gli atleti affronteranno i primi 3,8 km. Attraversando il Parco Naturale delle Saline di Cervia e, accompagnati dai fenicotteri rosa, percorreranno 180 km tra storia e natura ed infine la maratona, tra i punti più caratteristici delle località di Cervia e Milano Marittima, permetterà di arrivare al traguardo ed essere i primi “finisher” IRONMAN in Italia.
Questo sarà lo spettacolo che debutterà il prossimo settembre a Cervia.


Originally from:
link


Registrazione Online - Venerdì 4 novembre 2016 alle ore 14:00 CET si apriranno le iscrizioni nella sola modalità online. I pagamenti sono possibili solo attraverso la carta di credito o debito.
Age-Group
Eur 515,00 + 8% Active Fee - dall'apertura
Eur 530,00 + 8% Active Fee - dal 6 dicembre 2016
Eur 550,00 + 8% Active Fee - dal 1 luglio 2017 e fino alla chiusura delle registrazioni

Peccato non avere i soldini :-(

Se volete aiutare il povero IRONGIAN magari a breve inserirò un simpatico crowfounding....non si sa mai :-)



mercoledì 21 settembre 2016

ORGANIZZARE TABELLA DI ALLENAMENTO PER UN IRONMAN

Il periodo di gare è ormai finito e se state pensando già al periodo agonistico 2017 ecco alcune info che potrebbero tornarvi utili.

Una cosa importantissima nella preparazione sportiva è la "periodizzazione" della tabella di allenamenti.

In pratica dobbiamo decidere come e quando allenarci.

Sceglierei momenti di picco di allenamento e quelli di picco di forma, i periodi di riposo e quelli agonistici.

A tal proposito mi preme spiegare una cosa che a volte non è sempre chiara ai neofiti:

Il picco di allenamento NON coincide con il picco di forma!

Mi spiego meglio.
Se avete fatto i compiti bene avrete organizzato i vostri allenamenti in maniera da avere un grafico ALLENAMENTI/TEMPO che seguirà l'andamento di una sinusoide:

grafico allenamento/tempo


In teoria in un determinato periodo di tempo avrete la qualità/quantità di allenamento che aumenta e diminuisce in maniera graduale.

Una cosa importante da capire è che il picco di forma (ovvero il momento in cui siete più performanti....più veloci...insomma quando dovreste fare la gara per intenderci) coincide con il momento in cui il grafico dell'allenamento è tra lo zero e il picco inferiore (NB lo "zero" è un allenamento MEDIO).

grafico allenamento/tempo + PiccoDiForma/tempo 


Come è facile capire dal grafico

NEL PERIODO DI MAGGIOR ALLENAMENTO SIAMO MENO PERFORMANTI

Provate ad immaginare: avete una settimana durissima, due allenamenti al giorno con ripetute, lunghe corse a piedi, sessioni in piscina devastanti etc etc etc...è logico ipotizzare che SE in quel periodo dovessimo fare una gara non sarebbe decisamente la gara della vita!

Lo sfasamento tra le due sinusoidi (ovvero la distanza che c'è tra le due sommità delle curve) può variare a soggetto a soggetto; ad esempio IO sono molto più performante quando l'allenamento è nullo o quasi.
MA resta di fatto che quasi la totalità degli atleti comincia a sprigionare WATTAGGI significativi nel periodo che tra "allenamento medio" e "allenamento nullo".

Per esperienza personale le gare vanno sempre fatte nel momento di scarico/"riposo attivo", in particolar modo le gare su lunghissima distanza.

Fatto tesoro di questo basilare concetto, bisogna segnare sul calendario LE GARE alle quali vogliamo partecipare e SOPRATTUTTO in che gara vogliamo dare il massimo.

Ricordatevi che non si può pretendere di dare il massimo in ogni gara (nemmeno i PRO lo fanno) quindi focalizzate i vostri sforzi in una/due gare.

Ultima cosa da fare è delineare i MACRO-CICLI  e i MICRO-CICLI di allenamento.

I MICRO-CICLI sono periodi di tempo che intercorrono tra una fase di riposo e l'altra.
I MACRO-CICLI sono un insieme di MICRO-CICLI in cui decideremo cosa allenare (forza resistete, forza esplosiva, dimagrimento etc etc etc).

Queste fasi di allenamento sono molto soggettive; i micro-cicli vanno da una a tre/quattro settimane, i macro-cicli vanno definiti in base alle caratteristiche dell'atleta e della gara.

Per farvi capire meglio questo concetto Vi spiego come organizzerò gli allenamenti di IRONDADDY :-)

Calendario alla mano...
Il bollino rosso è segnato per domenica 2 Luglio 2017, la gara OVVIAMENTE è l'ironman di Klagenfurt.
Andando a ritroso:
  • dal 26 giugno riposo assoluto (settimana prima della gara)
  • dal 5 giugno 2017 inizio fase di scarico (tengo sempre tre settimane di "scorta")
  • dal 15 maggio al 4 giugno MACRO-CICLO di tre settimane PRE GARA
  • dal 8 maggio al 14 maggio settimana di recupero/riposo attivo
  • dal 17 aprile al 7 maggio MACRO-CICLO di tre settimane QUALITA'/FONDO
  • dal 10 aprile al 16 aprile  settimana di recupero/riposo attivo
  • dal 20 marzo al 9 aprile MACRO-CICLO di tre settimane POTENZA
  • dal 13 marzo al 19 marzo settimana di recupero/riposo attivo
  • dal 20 febbraio al 12 marzo  MACRO-CICLO di tre settimane FONDO/POTENZA
  • dal 13 febbraio al 19 febbraio settimana di recupero/riposo attivo
  • dal 23 gennaio al 12 febbraio MACRO-CICLO di tre settimane per FONDO/MUSCOLO-RESISTENZA
  • dal 16 gennaio al 22 gennaio settimana di recupero/riposo attivo
  • dal 1 gennaio al 15 gennaio MACRO-CICLO di due settimane per FONDO/MUSCOLO-RESISTENZA
Quindi a grandi linee all'inizio dell'anno IRONDADDY si dedicherà alla palestra e al fondo, a macinar chilometri gradualmente.

Da metà febbraio circa comincerà a far fondo serio (i lunghi a piedi sopra i 20 km e i lunghi in bici sulle tre orette) con qualche richiamo di potenza.

Da marzo (complice anche il vento ;-) ) comincerà a fare qualche allenamento serio di potenza con scatti, ripetute, allunghi etc etc etc.

Con la primavera e la bella stagione gli allenamenti saranno di "qualità", quindi combinati nuoto/bici, bici/corsa, mini-triathlon...

A maggio è il periodo pre-gara quindi allenamenti mirati ovvero: pochi lunghi ma buoni, prove alimentari in corsa (cosa e come mangiare), combinati SERI bici/corsa, prove  T1 e T2 etc etc etc.

A giugno il più sarà stato fatto e mi son tenuto tre settimane di scorta che non si sa mai...qua IRONDADDY farà un recupero attivo con qualche richiamo di potenza...ma poca robetta :-)

lunedì 19 settembre 2016

Jonny Brownlee aiutato dal fratello Alistair...ma chi li ammazza?!?!??!



2016 ITU World Triathlon Grand Final Cozumel - Elite Men's Highlights.

Al minuto 02:25....

Non ci sono parole!
Eccezionali anche nel malessere!
Da notare come Alistair (che era terzo MA stava superando ala grande il secondo) nel finale abbia comunque fatto passare "davanti" il malandato consanguineo :-O





giovedì 15 settembre 2016

informazioni sul triathleta

La prima cosa da fare per riuscire a stabilire un piano di allenamento per un atleta è sicuramente conoscerne
  • i parametri fisici 
  • il trascorso atletico
  • quanto e quando ha la possibilità di allenarsi
  • (sopratutto) le magagne e/o problemi di salute seri o meno seri
Ecco le risposte del mio ATLETA/CAVIA che da oggi chiameremo IRONDADDY:

  • data di nascita: 05/03/1980
  • altezza: 172cm
  • peso: off-season 75kg,   allenato 71kg
  • battiti a riposo: 45
  • battiti alla soglia: 150 in teoria
  • best time 1500mt swim: 1.33x 100m
  • best time 40km in bike: 1h 08min
  • best time 5km run: 21:23
  • best time 10km run: 44:56
  • best time 21km run: 1:41:19
  • best time 42km: 4:16:35

Da queste risposte si evince che ha una discreta base atletica, NON è in sovrappeso (e già questa è una cosa ottima NDR), è un buon nuotatore, un discreta ciclista e un podista discreto nelle corte distanze MA peggiora se i chilometri aumentano.

Io ovviamente conoscevo già le doti di IRONDADDY :-)
L'ho visto all'opera più di una volta e so che ha un ottimo spunto di potenza.

Soffre un "pochino" le gare con temperature elevate e qualche volta si fa prendere dall'entusiasmo e non riesce a gestire lo sforzo prolungato (comunque riesce sempre a terminare una gara....seconda OTTIMA COSA).

L'ho visto nuotare e....SI nuota forte MA non va dritto! :-) nei 3.800 mt dell'ironman alla fine ne avrà fatti 4.200      :"-)

In bici va bene, ma potrebbe fare di più SE si allenasse con criterio.

A piedi è pesante....ma questo è uno dei problemi minori.

Ha un'ottima struttura muscolare e una grande determinazione.

Trovati quindi i punti di forza e quelli deboli si può cominciare a ragionare su come e cosa fare negli allenamenti.

Ma ecco le note dolenti:

IRONDADDY è un commerciante, ha una compagna ed una figlia appena nata (un annetto).
Questi sono tre elementi che "penalizzano" un triathleta.

I migliori triathleti che conosco sono single, dipendenti statali con turni...fate voi :-/

Comunque sia questa sarà la sfida più difficile da affrontare, ovvero organizzare nel miglior modo possibile i tempi degli allenamenti.

Ecco le risposte di IRONDADDY:
  • lunedi: mattina presto fino alle 8:00
  • martedi: tutta la mattina
  • mercoledi: mattina presto
  • giovedi: mattina presto
  • venerdi: mattina presto
  • sabato: mattina presto
  • domenica: mezza giornata non per tutte le domeniche
PANICO PAURA!
L'unica freccia al mio arco è che PER FORTUNA IRONDADDY non ha problemi (o quasi) a svegliarsi presto il mattino (è ormai mitico il suo allenamento sui 30 km fatto alle 05:00 del mattino NDR).

Ultima informazione (ma NON per importanza) è quella sulle magagne fisiche.

IRONDADDY ha un problema congenito alle cartilagini delle ginocchia;
ha avuto solo un intervento di pulizia del ginocchio sinistro che comunque non ha stravolto la situazione.


Attualmente, visto il periodo di non forte carico di allenamenti fa una cura per aumentare la lubrificazione e (aumento) cartilagine.. prendo: protocol e arthos tutti i giorni per quasi due mesi.

La situazione quindi NON è delle più rosee MA la struttura muscolare di IRONDADDY potrebbe tornare utile. Vedremo come fare.

A breve un planner su come gestire questi prossimi 10 mesi di fatiche :-)

la rivincita dei ciccioni

Ma chi l'ha detto che un bambino cicciottello non può eccellere in uno sport!!?!?!?!?
Guardate un po' questo bambino australiano (Meaalofa Te’o, 9 anni ) come gioca a rugby :-)


Di certo non potrà correre una maratona o fare i 100 mt in 10" netti MA nel rugby avrà un grande futuro.

lunedì 12 settembre 2016

COME PREPARARE AL MEGLIO UN IRONMAN seguendo i consigli di IRONGIAN

Nell'ultimo post vi accennavo a delle novità.

Per me quest'annata è stata una pausa dallo sport abbastanza significativa.
Mi ha fatto capire che FORSE a quaranta e passa anni, con quindici anni di gare di triathlon e con 7 IRONMAN finiti alle spalle, forse era il caso di ridimensionare le mie priorità. 

Non posso/voglio più dedicare l'80% della mia vita ad allenamenti, sport, diete, massaggi ca22i e mazzi...ovviamente è impensabile che uno come me possa lasciare totalmente lo sport; ma una cosa è preparare un ironman e un conto e allenarsi per distrarsi un po'.

Ecco...quello farò! Farò sport per distrarmi un po'.
Senza aver sempre l'occhio sul cronometro o con la fobia delle tabelle di allenamento.

Ma la vera novità non è propri questa :-)

Nei miei momenti di astinenza da lunghe distanze ho pensato che se proprio non posso allenarmi per fare un ironman, posso comunque aiutare qualcuno facendo tesoro della mia esperienza.

Così ho trovato una cavia :-) 

Un mio compagno di squadra che a Luglio 2017 farà il suo secondo IRONMAN a Klagenfurt.

La sua prima esperienza sulla lunga distanza è stata quella di BARCELLONA 2015 e nel 2017 voleva cercare di migliorare la sua performance.

Mi sono offerto come trainer e lui ha accettato.

Sarà una bella avventura e sicuramente (conoscendo l'atleta) ci sarà da divertirsi.

A breve altre news su 

COME PREPARARE AL MEGLIO UN IRONMAN seguendo i consigli di IRONGIAN

giovedì 1 settembre 2016

come difendersi dai ladri di biciclette


"Sono tornatooooooo!!!"

Sì lo so: non si torna dopo quasi un anno di assenza così....come nulla fosse ma questa dovevo proprio condividerla con voi.

Circa un anno fa, alla fine di un mio allenamento in bicicletta mi è capitata una situazione un po' ...diciamo...particolare.

Non ricordo se l'avessi o no accennata nel blog comunque sia questa è la storia:

Un tardo pomeriggio di fine agosto, sto tornando dal mio allenamento in bike sui colli Euganei, sono quasi arrivato a casa (diciamo una decina di chilometri da casa per l'esattezza) ed ecco che vedo sul ciglio della strada un ragazzo (giovane, piccolino, magrolino), vestito da ciclista con in mano la ruota anteriore della sua MTB che mi fa segno con la mano di fermarmi.

Mi fermo, chiedo se ha forato e il tipo (che chiameremo Manuelito) mi risponde (con accento sudamericano):

"No, ho solamente rotto il perno della ruota" e mi sventola davanti al viso la ruota senza sgancio rapido (primo dubbio: come avrà fatto non lo so?)

"Per caso sai dove posso trovare un meccanico???"

Io rispondo che ce ne sono due nel raggio di 5km e auguri...Manuelito quindi comincia a tirarmi su delle pippone mentali sul fatto che è sudamericano e ospite della sorella....che la sorella ha un negozio di abbigliamento ciclistico in tal posto.....che volendo potrebbe farmi avere degli sconti etc etc etc.

Io rimango sempre abbastanza sul "e che me ne frega a me!?!??!"

Quindi Manelito mi chiede di seguirlo fino a casa per potermi dare i biglietti da visita di sua sorella.

Io per non essere scortese lo seguo sempre guardingo perché la cosa mi puzzava un bel po'.

Facciamo cica 500mt, arriviamo in una bella zona residenziale e io, un po' scazzato, dico:

"Ascolta...io non ho tempo...devo andare a casa...."

In quello arriva LA SORELLA a piedi, in ciabattine, canotta e short (bella nocca NDR).

Mamuelito me la presenta e mi chiede gentilmente di aspettare lì mentre lui corre a casa a prendere due coca cole fresche e i biglietti da visita.

La sorella comincia  parlarmi del più e del meno.
Io sempre più sospettoso comincio a guardarmi in giro.

La sorella ad un certo punto mi chiede:

"Bella questa bici, me la faresti provare?"

Capisco l'antifona e rispondo:

"PRIMO: io sono alto 180cm e tu sei nana, non tocchi a terra
SECONDO: la bici non la presto nemmeno a mia madre, figurati se la presto a TE"

Questa insiste e ovviamente IO nego. Ad un certo punto mi chiede se poteva sentire se era leggera.

Io scendo e tengo la bici con quattro mani mentre lei la soppesa.
Cerca anche di salire ma io "elegantemente" le dò una spallata e lei desiste.

A quel punto mando a fare in c....lo la tipa e me ne parto per andare a casetta mia.

Al momento non ho pensato molto all'episodio.
Vabbè... saranno stati due scappellati che non sapevano che fare e volevano fregarmi la bike.

Stamattina spulcio il gazzettino di venezia e .... (copi&incollo)


VENEZIA - La polizia stradale di Venezia ha individuato cinque cittadini sudamericani specializzati in furti di biciclette sportive da corsa mountain bike di notevole valore. Sono state recuperate 5 bici del valore complessivo di 25.000 euro.

Il gruppo di malviventi, tutti denunciati, con estrema astuzia, agiva nei luoghi di raduno degli sportivi, come le aree pianeggianti del Montello nel Trevigiano e dei Colli Euganei, nel Padovano. Il modus operandi era ben collaudato: la vittima veniva accostata da uno degli indagati sempre in sella ad una mountain bike e vestito con abbigliamento ginnico e caschetto protettivo, proprio per far cadere in inganno lo sportivo. Quest'ultimo veniva invitato dal malvivente, con il pretesto di fare delle competizioni, a conoscere una fantomatica sorella, titolare di un negozio di biciclette, in un paese vicino. Qui c'era un secondo complice ad attenderli che, con la scusa di "testare" il pregiato velocipede, riusciva a salire in sella e fuggire, raggiungendo gli altri indagati che lo attendevano a bordo di un'auto sulla quale caricavano il mezzo.

Le indagini sono iniziate nello scorso aprile 2016 quando una pattuglia della polstrada ha fermato, sul Passante di Mestre, uno degli indagati che guidava un'auto che trasportava due bici rubate. Gli agenti hanno poi trovato la "base logistica", recuperando altre bici di valore. In un'occasione i malviventi non si sono fermati all'alt dei poliziotti che li hanno bloccati dopo un inseguimento ad alta velocità. Nella vettura c'era una bici da corsa del valore di mille euro che era stata appena rubata.


A me quella volta è andata bene.
Ma ho fatto un paio di valutazioni:

  • chi è stato quell'imbecille che ha fatto provare la propria bici ad un perfetto sconosciuto?!??!!
  • questi personaggi, conoscendo la legge italiana, non si faranno un solo giorno di galera. Si trasferiranno e ricominceranno bellamente a rubare bici con questo modus operandi.

Quindi OCCHIO RAGAZZI!!!!

PS 
Questo BLOG alla fine un po' mi è mancato.
Dopo quasi otto anni di post il mio anno sabbatico è servito a riordinare le idee.

Non vi preoccupate: NON TORNERò A SCRIVERE POST INUTILI sui miei allenamenti da medioman :-)

Però un paio di novità in questo 2017 ci saranno....


STAY TUNED