giovedì 4 settembre 2014

testa, motore o gambe?

Nel triathlon ci sono tre fattori che dominano sia in gara che in allenamento e sono:

la testa
il motore (detto "cuore")
le gambe

Quale dei tre è più importante?

Eh...domanda da un milione di dollari...

Molto dipende dalla distanza che vogliamo affrontare.
Se la gara è corta (uno sprint piuttosto che un olimpico) il motore è quello che conta per i recuperi e per i picchi massimali.

Le gambe servono per spingere belle velocità di punta e per produrre poco acido lattico.

La testa serve a poco....in una gara di massimo un paio di orette e mezzo la concentrazione serve a poco.
Ad esempio in un olimpico appena partite a nuoto e siete già arrivati, in bici il tempo di capire che state pedalando e siete già in T2 e a piedi...beh dai non ditemi che correre per un oretta scarsa vi da noia????


Tutta un'altra storia sono le gare lunghe.

Dal mezzo ironman all'ironman quel che conta è la testa.
Vi posso assicurare che NON SOLO IN GARA si ha bisogno di concentrazione, stimoli, capacità di focalizzare un obbiettivo.
Provate a fare un giro in bici di 6 o 7 ore in solitaria e vedere se il vostro cervello non ha bisogno di qualcosa di particolare per far si che non perda il "focus"!
Il giorno della gara poi è la mente che comanda; il dolore e la fatica in gare che durano più di 4 o 5 ore è gestito SOLO dal cervello.
Riuscire a gestire queste situazioni con la mente vuol dire migliorare sicuramente i propri risultati.

Le gambe sono importanti per evitare gli infortuni. Avere una buona muscolatura nei lunghi vuol dire NON andare incontro a spiacevoli infiammazioni e altre rotture di palle :-/
Certo...avere una bella gambotta che spinge i 40km/h in bici fa piacere a tutti...ma nel lungo la velocità estrema non è mai l'importante (almeno per noi comuni mortali)....meglio avere una bella gamba RESISTENTE.

Il motore nelle gare lunghe è l'ultimo ad essere messo sotto sforzo.
Sfido chiunque a fare un ironman con il cuore costantemente sull'85% della FC MAX....mmmmh infarto in 3...2...1...
Quindi quando si ha un discreto motore in grado di sopportare sforzi prolungati e non troppo forti (diciamo un 70% della FC MAX) il risultato è garantito.








Nessun commento: