giovedì 27 novembre 2014

E se facessi l'allenatore?

Si lo so....è da un po' che non scrivo nulla sul mio blog!
Non avendo gare "difficili" da preparare non ho moltissimo da scrivere perchè alla fine non è che stia facendo chissà quale allenamento. Le solite cose insomma: si nuoticchia una due volte la settimana, si corre due/tre volte e si esce in bici nei weekend se il tempo regge.

Mi sta balenando l'idea di mettermi a fare l'allenatore per qualche IRONMAN neofita che volesse qualche dritta per allenamenti...in fondo un po' di esperienza ne ho accumulata in anni di gare.



Se a qualcuno potesse interessare contattatemi via "commento" che ci si organizza :-)

martedì 21 ottobre 2014

Sesso: chi va in bici lo fa meglio

Copio e incollo un "interessante" articolo letto qui ;-) buona lettura

Sesso: chi va in bici lo fa meglio

20 ottobre 2014 • news • di 
Su queste pagine vi abbiamo già raccontato che i ciclisti sono più sani, più fighi e intelligenti della media, che chi va in bici è più produttivo al lavoro, che chi va in bici respira meno agenti inquinanti e adesso si scopre anche che chi va in bici è anche potenzialmente un campione dell’arte amatoria.
cycling-sex-appeal-1-630x420
Il motivo? Ce ne sono ben cinque.

1. L’afflusso di sangue

Andare in bici è uno dei migliori modi per allenare il sistema cardiovascolare. Secondo il cardiologo Michael Crawford, “un cuore ben allenato pompa fino al 50 per cento più sangue ad ogni battito rispetto a uno non allenato”. L’erezione maschile, d’altronde, è determinata non solo dall’eccitazione, ma anche dall’afflusso di sangue al pene e per questo un sistema cardiovascolare che funzioni bene è la condizione minima.

2. Aumento delle prestazioni

Uno studio condotto dall’Università della California ha considerato il comportamento sessuale di due gruppi di uomini di mezza età. Il primo gruppo è stato costretto a seguire un regolare programma di allenamento fisico che prevedeva un’ora di attività, tre o quattro volte alla settimana. Il secondo gruppo è stato mantenuto in condizione di riposo. Dopo nove mesi, gli appartenenti al primo gruppo hanno riportato un aumento del 30% della frequenza della propria attività sessuale col partner.

3. Muscoli più potenti

Andare in bici si traduce in un rafforzamento delle gambe, della zona pelvica e del fondoschiena e secondo il dottor Matthew Forsyth, un uorologo di Portland, Oregon: “Tutti questi muscoli sono utilizzati attivamente durante il rapporto sessuale. Quindi,più questi muscoli sono sviluppati, migliore e più prestante sarà il rapportostesso.”

4. Uno sballo naturale

Durante e dopo l’esercizio fisico, il corpo rilascia endorfine che producono una sensazione di soddisfazione e di benessere. La prova è che dopo una lunga pedalata trascorriamo ore con un sorriso dipinto in faccia, ma c’è dell’altro. Una ricerca dell’Università di Chicago ha scoperto che una donna su quattro prova eccitazione sessuale durante l’attività fisica.

5. Autostima

Alla fine di una lunga pedalata, sebbene si possa provare una sensazione di stanchezza, la soddisfazione e l’autocompiacimento prendono il sopravvento. La confidenza nella propria potenza fisica non solo ci fa sentire più sexy, ma trasmette anche agli altri la stessa impressione.

E l’impotenza?

Per molto tempo è stata opinione diffusa che la pratica ciclistica potesse indurre impotenza derivante dalla pressione esercitata dalla sella sulla zona del perineo (quella tra lo scroto e l’ano, per intenderci). L’uorologo Irwin Goldstein evidenzia come restare seduti per molte ore in sella possa portare a un senso di insensibilità nella zona genitale, proprio a causa dell’alto numero di fasci nervosi presenti nella zona.
Tuttavia, la mancanza di sensibilità è un fenomeno passeggero e sembra che non esistano prove concrete che dimostrino una correlazione tra impotenza e uso della bicicletta.
Alle domande “Può la bicicletta causare impotenza nel ciclista medio? E, soprattutto, questo rischio può superare il beneficio generato dal miglioramento dell’attività cardiovascolare?”, Harin Padma-Nathan, professoressa di urologia della Scuola di Medicina dell’Università della California risponde senza dubbi: “No e no, a entrambe le domande”.

Se quindi vi sembra di aver perso un po’ del vostro sex-appeal nell’ultimo periodo, allora forse è giunto il momento di rimontare in sella e ricostruirlo, pedalata dopo pedalata.

martedì 14 ottobre 2014

Zanardi si...Zanardi no

Se state leggendo questo blog saprete sicuramente che sabato scorso a Kona (Hawaii) si è faticato parecchio nel mondiale di IRONMAN.
Saprete anche che uno dei nostri azzurri era il mitico Alex Zanardi.
Non serve che vi dica chi è ovviamente :-)



I media tutti hanno dato grande risalto a questa BELLA esperienza sportiva dell'ex pilota di formula uno ma....

FERMO RESTANDO che per me Zanardi è un grande (io al posto suo non so se avrei reagito così bene all'amputazione di due gambe NDR), secondo me lui NON HA FATTO UN IRONMAN.

Mi spiego:

Un IRONMAN è per definizione uno sport che comprende 3,8km di nuoto+180km di bici senza scia+42,195km di maratona (corsa a piedi).

Zanardi, per ovvie ragioni, ha coperto la distanza in bici con una hand-bike e la distanza della maratona con una carrozzina (da quel che son riuscito a capire).

Quindi NON HA FATTO UN IRONMAN...ha coperto la distanza in maniera alternativa...ma di fatto non ha fatto un IRONMAN.

Chapeau! Per carità! Ma alla fine della fiera non lo ritengo un ironman.

Nei 6 ironman ai quali ho partecipato ho visto ragazzi correre con protesi alle gambe (e per inciso mi hanno pure ben che sorpassato sia in bici che a piedi)...ecco secondo me LORO sono IRONMAN perché in bici ci sono andati e a piedi hanno CORSO.

Zanadri è come se avesse fatto il giro d'italia di ciclismo IN CARROZZINA. Tanto di cappello per la tenacia e lo sforzo...ma di fatto NON AVREBBE FATTO IL GIRO D'ITALIA IN BICI.
Non sto a sentenziare sul fatto che potrebbe aver fatto una prestazione atletica migliore o peggiore di qualcun'altro, sto solo dicendo che NON AVREBBE FATTO IL GIRO D'ITALIA IN BICI... punto!

NDR Io sono uno di quelli che sostiene che Pistorius NON doveva correre con i normodotati


venerdì 3 ottobre 2014

Le dieci peggiori domande che ti fanno quando sanno che fai IRONMAN

Se anche voi siete degli IRONMAN sicuramente in vita vostra qualcuno vi avrà fatto una di queste IDIOTI domande alle quali avreste voluto rispondere con un sonoro calcio in culo.
Purtroppo l'educazione non ci permette tale slancio di entusiasmo...ma a volte un bel calcione ci starebbe tutto :-)

#10 Ma in una gara che dura 10/11 ore come fai a fare la cacca?
- Mi metto un tappo in culo!

#9 Mio cugino una volta mi ha detto che se fai sforzi fisici troppo lunghi poi muori, è vero?
- Si! E tu sei come il protagonista del sesto senso.

#8 IRONMAN!?!? Nuoto bici e corsa??? (questa domanda la fanno proprio così NDR)
- NO! Fante cavallo e RE, anzi Ambaraba cicì cocò.

#7 Ma il triathlon è quello sport dove si scia e poi ti fermi e spari con la carabina?
- Are you Fuckin' Kidding me?

#6 Ma quando finisci una gara non sei stanco?
- No... macché, finita la gara mi do una sgrassata e vado fare serata al Pacha!

#5 Chissà quanta droga prendi per fare uno sforzo simile?
- Meno di quelle che hai preso tu per farmi sta domanda.

#4 Ma la maratona alla fine è proprio maratona maratona?!
- (con la poker face) Ne esistono di altro tipo???

#3 Se volessi farne uno io mi alleneresti???
- Pagando...si fa tutto.

#2 L'hai fatto quello delle Hawaii?
- Si, lo faccio due volte l'anno.

#1 Ma IRONMAN....Quello con l'armatura di ferro???
- Ma vai a cagare!!!

mercoledì 1 ottobre 2014

come lubrificare la catena della bici

Incuriosito da questi due video:

e

mi son detto:
"ma si proviamo il WD-40 per la catena!"

Morale della favola: catena molto più silenziosa, scorrevole e pulita. L'unica pecca è che bisogna dare una passatina di spray ogni volta che si esce e magari quando pulirò a fondo la catena un po' di olio "standard" ce lo darò cmq :-)




lunedì 29 settembre 2014

e ancora specialized!!!

E pure il campionato mondiale su strada se lo sono portato a casa :-)

http://www.specialized.com/it/it/news/latest-news/20180?intcmp=homePromo1MONDIALISUSTRADA



giovedì 25 settembre 2014

Sir Bradley "Gambe Secche" Wiggins

Ponferrada 24-9-2014
Wiggins vince il Mondiale a cronometro. Martin argento, bronzo all’olandese Dumoulin.

E il primo che mi dice che ho le gambe secche per essere un ciclista/triathleta gli do un pugno sul naso :-)



altre foto qui 

mercoledì 24 settembre 2014

Albertoscala la 'Recta Contador' - Mortirolo ....Alimortè

Alberto Contador che prova il nuovo versante del Mortirolo per il prossimo giro d'italia...tratti al 25%....39x28..."un poco corto" dice lui....Alimortè!!!! :-O


martedì 23 settembre 2014

godiamocelo

Si...Si lo so....
é da una vota che non scrivo più nulla!
Ma diciamocelo: ultimamente ho altre cose/persone a cui pensare ;-)

E poi non avendo gran gare in ballo non è che faccia chissà quali allenamenti degni di essere scritti in cotanto BLOG!

Diciamo che la settimana scorsa ho fatto un paio di buone uscite in bici, di cui una di 140 km con 100km di controvento...e bestemmie!

Una nuotatina e un paio di corse a piedi e nemmeno tanto tirate.
Insomma nulla di che.

Questo sabato (27/09/2014) un mio amico parteciperà al primo ironman mallorca.


Quando tornerà lo tartasserò di domande e prenderò la decisione del secolo ovvero:

fare o non fare il mio ultimo ironman?

a dire il vero sono più per il NO che per il SI.
Dopo anni di allenamenti mi vien da stare un po' tranquillo.
Insomma...continuare ad allenarmi ma senza la smania di dover far chilometri e con il pensiero fisso alla gara.
Boh??? Vedremo.

Intanto mi godo questo bel momento. In tutti i sensi.

lunedì 15 settembre 2014

sarà contenta la Specialized?

Quest'anno ha fatto incetta di premi:

- Tour de France
- Vuelta di spagna
- mondiali IRONMAN 70.3 (1°, 2° e 3° classificato)

 

Che siano contenti?!?!??!

giovedì 4 settembre 2014

testa, motore o gambe?

Nel triathlon ci sono tre fattori che dominano sia in gara che in allenamento e sono:

la testa
il motore (detto "cuore")
le gambe

Quale dei tre è più importante?

Eh...domanda da un milione di dollari...

Molto dipende dalla distanza che vogliamo affrontare.
Se la gara è corta (uno sprint piuttosto che un olimpico) il motore è quello che conta per i recuperi e per i picchi massimali.

Le gambe servono per spingere belle velocità di punta e per produrre poco acido lattico.

La testa serve a poco....in una gara di massimo un paio di orette e mezzo la concentrazione serve a poco.
Ad esempio in un olimpico appena partite a nuoto e siete già arrivati, in bici il tempo di capire che state pedalando e siete già in T2 e a piedi...beh dai non ditemi che correre per un oretta scarsa vi da noia????


Tutta un'altra storia sono le gare lunghe.

Dal mezzo ironman all'ironman quel che conta è la testa.
Vi posso assicurare che NON SOLO IN GARA si ha bisogno di concentrazione, stimoli, capacità di focalizzare un obbiettivo.
Provate a fare un giro in bici di 6 o 7 ore in solitaria e vedere se il vostro cervello non ha bisogno di qualcosa di particolare per far si che non perda il "focus"!
Il giorno della gara poi è la mente che comanda; il dolore e la fatica in gare che durano più di 4 o 5 ore è gestito SOLO dal cervello.
Riuscire a gestire queste situazioni con la mente vuol dire migliorare sicuramente i propri risultati.

Le gambe sono importanti per evitare gli infortuni. Avere una buona muscolatura nei lunghi vuol dire NON andare incontro a spiacevoli infiammazioni e altre rotture di palle :-/
Certo...avere una bella gambotta che spinge i 40km/h in bici fa piacere a tutti...ma nel lungo la velocità estrema non è mai l'importante (almeno per noi comuni mortali)....meglio avere una bella gamba RESISTENTE.

Il motore nelle gare lunghe è l'ultimo ad essere messo sotto sforzo.
Sfido chiunque a fare un ironman con il cuore costantemente sull'85% della FC MAX....mmmmh infarto in 3...2...1...
Quindi quando si ha un discreto motore in grado di sopportare sforzi prolungati e non troppo forti (diciamo un 70% della FC MAX) il risultato è garantito.








venerdì 29 agosto 2014

Pace & Love

E' un po' di tempo che tralascio la mia noiosissima lista di allenamenti quotidiani :-)
Giuro che da settembre ricomincerò a tediarvi per bene, nel frattempo un sunto di questa settimana :-)

Sabato un bel 110km sul montello con il mio best time sul mostaccin (versante da Maser) :-) 13' e 18" direi più che bene.

Unica nota negativa è stato che nello scollinare mi si è rotto l'aggancio del pedale sinistro ergo...addio all'idea di fare 140km e mi sono fatto 53km praticamente con una gamba sola a 23km/h .....che palle :-(

Domenica 15km a piedi in 1h e 11' senza nessun tipo di fastidio al tendine.

Lunedi Palestra.

Martedi 8km lentini assieme ad una cliente della palestra.

Ieri (Giovedi) corsa a piedi: 

2km risc a 5 al km
10x400 a 3 e 50 al km
2km a 4 e 40 al km

oggi nessun problema al tendine


Dai che forse ce l'ho fatta :-) GRAT GRAT GRAT

Secondo me il tendine mi sta passando anche perchè ultimamente sto passando un periodo FE LI CI SSI MO :-) e quindi sono molto più rilassato e serevo.

PACE & LOVE a tutti :"-)

domenica 24 agosto 2014

Mmmmhhh qualcosa non mi torna


Questo a pagina 18 di bici sport di agosto.... E ora leggo questo:

http://www.gazzetta.it/Ciclismo/19-08-2014/basso-contador-firma-tinkoff-saxo-due-anni-90181412166.shtml


Boh qualcosa non mi torna!!! Matteo Renzi ha fatto scuola a suon di incoerenza:)


l

lunedì 18 agosto 2014

ROSSFIT VS FUNZIONALE VS PREATLETISMO parte II

Ecco l'ultima puntata delle mie seghe mentali su i tre tipi di allenamento che potreste trovare nelle palestre in questo periodo :-)

Il preatletismo.


Dal dizionario:  l’insieme degli esercizi ginnici che servono di preparazione a una determinata specialità atletica

è difficile che in una palestra normale facciano corsi di preatletismo SERI.
Di solito sono le squadre (atletica, calco, sci) che si organizzano per fare dei macro-ciclo di allenamenti indoor nelle palestre per migliorare la performance.

Per esperienza però trovo questo tipo di allenamento molto efficace, ovviamente se avete delle finalità "agonistiche" o se semplicemente volete migliorare il vostro gesto atletico.

A volte potreste trovare qualche palestra che ha come istruttore un atleta, che quindi unisce l'utile al dilettevole e cerca di insinuare il virus del preatletismo in voi :-) come nel mio caso NDR

Senza falsa modestia nei miei corsi di GAG (gambe addominali e glutei) posso tranquillamente dire che faccio fare un sacco di esercizi di preatletismo per la corsa :-)
Me ne vanto SI perché secondo me fare meramente degli esercizi localizzati SOLO ed esclusivamente per rassodare le chiappe o l'addome a poco serve.

Qualche volta inserisco esercizi esplosivi, qualche volta della isometria, esercizi per rafforzare la caviglia...per rimanere in ambito GAMBE.
Per l'addome cerco di NON fare solo il classico crunch ma (come il buon Guido Bruscia mi ha insegnato) molti esercizi in piedi e isometrici.

Alla fine la clientela mi sembra contenta.

La differenza dal classico GAG è che gli esercizi sono molto più vari (volendo aumentare la difficoltà potrebbero essere INFINITI, ma dovendo rimanere nell'ottica del "non sono atleti professionisti", alle mie ragazze devo far fare una serie limitata di esercizi non molto tecnici).

Il rischio di infortuni nel preatletismo è nella media.
Se si forza troppo la mano con carichi troppo pesanti, scatti troppo brutali o esercizi al limite del masochismo...beh anche il preatletismo può portare a qualche dolorino.
Io per fortuna in 5 anni che insegno GAG/preatletismo non ho mai avuto signorine acciaccate :-)....o almeno credo








martedì 12 agosto 2014

e se vi dicessi che....

E se vi dicessi che sabato mi venerdi mi sono fatto 130km sul montello a buona media in compagnia di Ale (un mio affezionato cliente di spin) e domenica altri 100km sui colli ....e che son caduto come un pero giù dalla rampa del mio garage....Voi cosa mi direste ????!

Cioè: domenica nell'ultima ora in bici mi sono preso un bel temporalone da manuale e andavo a due all'ora per paura di cadere di nuovo. Arrivo a casa, scendo dalla rampa del garage, e....boooom baby!!!!

Caduto sempre sul lato sinistro!

Botta alla chiappa e per fortuna non ho appoggiato troppo il peso sul polso altrimenti mi sa che sto giro me lo spaccavo.

Ma dico IO...non son praticamente mai caduto in 40 di bici e casco due volte in due settimane :-)??!?!?!?

Beh dai, la prendo con il sorriso: meglio così che non in gara o in allenamento per un ironman :-)

Questa settimana provo a corerre due volte 7km vediamo come reagisce il tendine. Per ora sta lì buono buono.

mercoledì 6 agosto 2014

addio mia amata

Lunedi giornata tristissima.
Finito il lavoro ho abbandonato la mia amata TRANSITION :-(

Giuro che non immaginavo che avrei avuto il magone in quella maniera, mentre il ragazzo se la caricava in auto la guardavo e avrei voluto tanto dire :
"No ...guarda...c'ho ripensato...me la riporto a casa!"

Ho ripensato a tutte le fatiche e le gioie che mi ha fatto passare; ricordo ancora il primo giorno che l'ho usata, mi sentivo un PRO da quanto bella e veloce era :-(

Addio mia amata :-(

Spero che ora tu sia almeno in buone mani e che ti tratti bene come ti ho trattato io fino a lunedi.

PS ieri seconda corsa di 5km con i miei ragazzi della palestra.
Il tendine sembra tenere e questa mattina non mi faceva troppo male.
La settimana prossima aumento di 2 km e vedremo che dice....IL TENDINE

lunedì 4 agosto 2014

ROSSFIT VS FUNZIONALE VS PREATLETISMO parte II

Cari lettori oggi parliamo dell'allenamento FUNZIONALE, altra disciplina in voga ora nelle palestre.




Allenamento funzionale: moda o realtà
Un movimento si dice funzionale quando rispecchia i gesti della vita quotidiana, movimenti naturali realizzati grazie alla contrazione sinergica di piu' gruppi muscolari. Scopo di questo allenamento è viluppare un corpo bello, armonico e forte tramite esercizi che richiamano le funzioni base per cui è nato; per questo si vanno a creare percorsi che si avvicinino il più possibile a quello che il corpo umano fa per natura.
Nella nostra vita quotidiana non esiste l'isolamento muscolare tipico della sala attrezzi, qualsiasi cosa facciamo, dal semplice camminare all'alzare una busta della spesa, dall'arrampicata al salto, richiede movimenti permessi dalla sinergia muscolare.
Il nostro corpo è nato per compiere movimenti - semplici e non - grazie al suo insieme e non settorializzando ogni sua zona. Parliamo di esercizi caratterizzati da movimenti multiarticolari (piu' articolazioni che sollecitano catene muscolari) svolti su diversi piani e assi. Allenamento funzionaleL'allenamento funzionale è un allenamento a 360° dove non viene richiesta solo una caratteristica, e dove non viene chiesta la specificità. Essere funzionali vuol dire essere forti, reattivi, agili, veloci, elastici, coordinati, grazie al fatto che si acquisiscono nuovi schemi motori attraverso esperienze motorie multiple e sempre piu' difficili (la progressione è fondamentale nel functional training.



Probabilmente il fatto che io abbia avuto l'onore di frequentare il corso di funzionale di primo livello con il mitico Guido Bruscia (uno dei massimi esponenti italiani di questa disciplina) non mi rende super partes, però avendo visto le tecniche di allenamento me lo fa apprezzare un po' di più rispetto al crossfit.

Diciamo che teoricamente si eseguono degli esercizi "funzionale", nel senso stretto della parola ovvero:  
che è adatto ad esplicare convenientemente i compiti a cui è deputato

Esempio: se noi vogliamo allenare l'addominale non ci si deve ammazzare di crunch...l'addominale non è stato fatto per fare solo ed esclusivamente il crunch...Ma piuttosto l'allenamento sarà centralizzato su una serie di esercizi che richiamano la funzionalità di quel muscolo (ad esempio la stabilizzazione, la torsione, l'accorciamento in posizione eretta).

A differenza del crossfitt non ci sono esercizi "da gara" (ad esempio verticali appoggiati al muro, chessò...sollevamento di copertoni di camion etc etc etc) ma solamente esercizi, per lo più a corpo libero che, vi posso assicurare, vi faranno scoprire muscoli che nemmeno sapevate di avere.





Un'altra cosa che ho notato nel funzionale è che se si ha qualche magagna fisica, ad esempio male ad un ginocchio, schiena o spalla, nove volte su dieci il dolore dopo un po' sparisce....dubito che se uno ha una artrosi alla spalla con altre discipline possa passare il dolore :-/

STAY TUNED per altre news



PS allenamento di questo weekend:

120km in bici sabato di buona lena
5km a piedi a 5' al km domenica :-/ il tendine è sempre lì







giovedì 31 luglio 2014

CROSSFIT VS FUNZIONALE VS PREATLETISMO

Lavorando nel mondo della palestra e del fitness molte volte sento commenti su  i vari metodi di allenamento a corpo libero.
Corsi che vanno molto di moda in questo momento ma che, un occhio esperto, può tranquillamente vedere che non sono tecniche MODERNE; non hanno inventato nulla di nuovo, hanno semplicemente messo un nome fico ad una cosa già nota e stranota ;-)

Ma facciamo un po' di chiarezza.

Tralasciando i vari cut-OFF delle discipline, le tre principali sono (non in ordine di importanza...se mai importanza possano avere ;-) ):


  • CROSSFIT
  • FUNZIONALE
  • PREATLETISMO   



Partiamo dal primo.

CROSSFIT



(fonte wikipedia)

Il CrossFit è uno sport e programma di rafforzamento e condizionamento fisico creato da Greg Glassman. Le sue origini risalgono agli anni settanta, sebbene abbia iniziato a richiamare l'attenzione del pubblico soltanto verso la seconda metà degli anni novanta, quando Glassman fondò la propria palestra a Santa Cruz, California, nel 1995. 
...
Alcuni dei seguaci praticano il programma di esercizi CrossFit per proprio conto o presso una palestra affiliata, seguendo l'"Allenamento del Giorno" o il "WOD", che viene pubblicato quotidianamente sul sito web della società.

L'atleta di CrossFit deve padroneggiare i dieci punti fondamentali del fitness:

-resistenza cardiorespiratoria: l'abilità dei sistemi del corpo di raggruppare, elaborare e fornire ossigeno.
-resistenza muscolare: l'abilità dei sistemi del corpo di elaborare, fornire, immagazzinare e utilizzare energia.
-forza: l'abilità di un'unità muscolare, o di una combinazione di unità muscolari, di applicare la forza.
-flessibilità: l'abilità di massimizzare l'arco di movimento di un'articolazione.
-potenza: l'abilità di un'unità muscolare, o di una combinazione di unità muscolari, di applicare la forza massima per un tempo minimo.
-velocità: l'abilità di ridurre il tempo di ripetizione di un movimento ripetuto.
-coordinazione: l'abilità di combinare una serie di movimenti distinti in un unico movimento.
-agilità: l'abilità di diminuire il tempo di transizione da una serie di movimenti a un'altra.
-equilibrio: l'abilità di controllare la posizione del centro di gravità di un corpo in relazione alla sua base di supporto.
-precisione: l'abilità di controllare un movimento in una direzione o a un'intensità specifica.

Gli atleti di CrossFit si esercitano con corsa, vogatore, salto della corda, arrampicata e spostamento di oggetti stravaganti; spesso muovono carichi pesanti velocemente e per lunghe distanze e usano le tecniche del Powerlifting e del sollevamento pesi. 
Utilizzano inoltre manubri, anelli da ginnastica, sbarre per trazioni, kettlebell e molti esercizi a corpo libero.

Ecco...questa è la definizione di wikipedia.

Secondo il mio MODESTISSIMO punto di vista questa è la disciplina più COOL del momento, mi spiego:

Ora fa figo dire:
"Sai faccio crossfit!!!"

E' tipo la moda dei selfie o della barba lunga...tutti lì a fare squat improbabili oppure trazioni alla barra, verticali appoggiati al muro o stacchi da terra Deadlift con bilancieri totalmente fuoricarico.

Poco importa se la tecnica è quella di una casalinga di Voghera...poco importa se menischi, rotule, tendini del sopraspinato e altre varie articolazioni sparse per il corpo si stanno frantumando.
L'importante è farsi fare una bella foto in palestre essenziali, con la faccia sudata...possibilmente a petto nudo e postarla nei vari social network.

Sia chiaro...Questa disciplina SE FATTA BENE è molto efficace, ma SE FATTA MALE può solamente fare danni.

Efficace perchè in poco tempo si hanno risultati, la carica di adrenalina è alta e sicuramente aggrega MA ha una percentuale di rischio infortuni troppo alta SE fatta con una tecnica sbagliata.

Qualcuno potrà sottolineare che qualsiasi disciplina sportiva segue questo ragionamento...in effetti è vero ma ci sono discipline con alto rischio in rapporto alla scarsa tecnica (crossfit, sollevamento pesi, braccio di ferro ;-) ) e sport con basso rischio (ciclismo, corsa, nuoto tanto per rimanere in ambito triatletico....l'allenamento funzionale  se vogliamo rimanere nel mondo fitness).

Per rinforzare il mio ragionamento vi porto questo esempio:

Da quant'è che il crossfit è di moda?
UN annetto circa?!
Bene...io conosco gente molto FASHION che appena ha sentito nell'aria odore di moda si è subito buttata in questa diciplina (CLIENTI eh  intendiamoci...NON sto parlando di ISTRUTTORI NDR).
Ultimamente questi personaggi li ho incrociati per strada con varie fasciature a polsi, kinesiotaping alle ginocchia e sulle spalle e cosa più grave è che portano questi segni con orgoglio continuando ad esaltare i loro workout devastanti (?!).

ESEMPIO VISIVO:


Belen Rodriguez che fa crossfit (?!?!?).
Rischio in questo esercizio:

  • primo fra tutti che scivolino gli step e si fracassi la schiena per terra
  • data la sua magrezza non vorrei essere la sua colonna vertebrale quando si curva all'indietro
  • pressochè nullo il "caricamento" di potenza per il balzo quando il "baricentro" è così basso (le ginocchia saltano come cristalli)
  • appoggio del piede sullo step nell'ultima ripetizione non totale, se scivola si ammazza
  • sia in appoggio sullo step che in fase di atterraggio l'appoggio è troppo forte (ai miei clienti insegno sempre che meno si sente il colpo e meglio è...quando sentite il botto vuol dire che il botto si ripercuote su tutto il corpo NDR)
MAH .....continuo a non capire???...lo sport dovrebbe essere salute e non il contrario :-)


Stay tuned per le recensioni delle altre discipline.

mercoledì 30 luglio 2014

vendo Specialized S-WORKS TRANSITION 2008 [+++VENDUTA!+++]

per chi fosse interessato:

vendo: 

telaio+focella taglia L (56)

freni 
manubrio ITM crono 
manettini shimano DURA-ACE 
guarnitura S-Works FACT carbon 

perfetta, tenuta in maniera maniacale. 

link per le specifiche:


link per le geometrie con il STANDARD LAYBACK POST:



GEOMETRY

Size
LG
Seat-Tube Length, B-B Center to Top vertical
72mm
BB to top of Head-Tube, Horizontal
395mm
BB to top of Head-Tube, Vertical
-100mm
BB Drop
50mm
Chain-Stay Length
72mm
Saddle Setback (Min)
43mm
Saddle Setback (Max)
65mm
Head-Tube Angle
602°
Fork Rake
988mm
Trail
768mm
Front-Center
120mm
Wheelbase
420mm
Stand-Over Height
90mm
Head-Tube Length
175mm
Handle-Bar Width
350mm
* *Not all sizes available in all markets



consegna a mano e pagamento in contanti o bonifico. 
Contattatemi pure telefonicamente 335 63 34 389








Lo so....vi state chiedendo:
"Ma come?!?!?! IRONGIAN vende la sua amata?!?!?!"

Ebbene si cari amici....ad Agosto ricomincerò a correre e vedrò come sta il tendine.
Se sarò apposto e non mi darà problemi potrei cominciare a pensare ad un'altra stagione da IRONMAN e mi piacerebbe rinnovare il mezzo meccanico; altrimenti... addio gare lunghe ergo una bici così PURTROPPO non mi servirà più.
Vi terrò informati per quanto riguarda il mio tendine, nel frattempo se sentite qualcuno a cui interessa la bici....

giovedì 24 luglio 2014

scusate il ritardo

scusate il ritardo ma in questi giorni tra mare, giri in bici con annesse cadute e ca22i e mazzi non ho mai avuto un secondo di tempo libero.
Dicevo...
Giri in bici!

Ero a casa 4 giorni dal lavoro per ferie e speravi di macinare un bel po' di chilometri, in effetti venerdi e sabato mi son fatto i miei bei 240km e fatti pure bene!
Velocità buona e gamba discreta...insomma ero soddisfatto.
Domenica giornata di riposo.
Lunedi parto in bici, mi faccio il mio bel giretto sul montello, tornando verso casa, in una rotonda appena asfaltata e bagnata da una leggerissima pioggerella.......sbadaaan!!!! culata a terra con "incalcata" del polso sinistro+ strisciata dello stinco con la guarnitura.
Bestemmie, sistemo la catena, bagno il sangue dello stinco e via.
200mt e foro.
Bestemmie.
Cambio la camera d'aria e piove.
Bestemmie.
Altri 200 mt e foro.
MOLTE bestemmie.

Mi incammino con il pollice per fare autostop e mi tira su un albanese (a volte la fortuna!!!) e miporta in un negozio di bici.

Morale della favola 2 copertoni nuovi con i controca22i (CONTINENTAL GRANPRIX 4000 II) alla modica cifra di 110 euro!!!

Ah....non comprate i copertoni in offerta al decathlon :-)

Ora ho il polso come una zampogna...ma sabato sarò di nuovo sopra il mio destriero!!!!

mercoledì 16 luglio 2014

la settimana dello sportivo VERO

Settimana questa NON proprio da atleta!
Ieri sera pizzetta e tra una cosa e l'altra ho fatto le due quasi.
Stasera cena di fine anno con lo staff della palestra (per inciso quest'anno i miei corsi sono andati bene...speriamo che l'anno prossimo migliori ancora), e farò tardi.
Domani concerto di Paolo Nutini con i ragazzi della palestra, e farò tardi.
Insomma...non proprio una settimana da atleta.
Eh ma dalla settimana prossima si cambia registro!!!

PS la mia piccola è dal meccanico per una controllatina di routine

martedì 15 luglio 2014

Tour de FRance 2014 - Contador fuori dai giochi

Ieri sera sono riuscito a guardarmi la cronaca della 10 tappa del Tour.
Avevo sentito notizie per radio che Alberto Contador si era ritirato ma mai avrei pensato di vedere una scena simile





Mi ha fatto una gran impressione vedere come Contador, appena caduta, sia riuscito a mantenere la calma.
Complice anche l'adrenalina, sicuramente non avrà sentito il dolore dovuto alla rottura della tibia...però ragazzi...mantenere la calma in quel modo è veramente impressionante.

Mi dispiace un sacco che si sia ritirato :-( il duello Nibali Vs. Contador sarebbe stato spettacolo puro.

Ora Nibali ha praticamente la strada spianata.

Ieri ha fatto un numero degno dei migliori PANTANI/ARMSTRONG....mi auguro che sia tutta farina del suo sacco.

Io sono fiducioso.

lunedì 7 luglio 2014

chi-running.....? IO-running

Tempo fa cazzeggiando in rete mi sono imbattuto in un filmato sul tubo dove spiegavano la tecnica del chi-running.
Mi ha incuriosito il fatto che in questa tecnica si mette l'accento su postura e appoggio del piede....piuttosto che muscolarità e gesto atletico STANDARD.



Poi l'altro giorno ho letto un post del mio "amico" su Faccialibro, il Dott. Fabrizio Duranti (chi ogni tanto ascolta radio deejay sa di cosa parlo) e...leggete un po' qua:

HRV-POWER E CHI RUNNING ACCOPPIATA VINCENTE  Questa sera al tramonto bellissima corsa con le nuove scarpe a basso differenziale (effetto suolo) con la tecnica del chi running e metronomo...incredibili sensazioni..10km in 46' e fcm 147 bpm senza fatica 4'39'' a km ..mi sono fermato per le indicazioni ad aumentare il chilometraggio in modo progressivo ma vi assicuro che stavo veramente benissimo (basta guardare il tempo dell'ultimo km. 4'35'' ne avevo ancora)! vediamo come procede...sono veramente curioso! 


Ovviamente CIAO!!!! è scattato l'acquisto del libro su Amazon 

Questa la descrizione del libro:

Ispirandosi ai principi del movimento del T'ai Chi, Danny Dreyer ha inventato un modo di correre completamente innovativo, che consente di bilanciare lo sforzo ed evitare gli infortuni. I suoi elementi fondamentali sono l'allineamento della postura e il rilassamento: l'appoggio sulla zona mediana della pianta del piede combinato con un'inclinazione in avanti del corpo permette di utilizzare la forza di gravità e la potenzialità del controllo del baricentro e di indurre una naturale propulsione sostituendo il lavoro di spinta delle gambe. Questo approccio (simile per certi versi a quello dei grandi campioni del Kenya e dell'Africa orientale) è esattamente la traduzione del "non-agire" del T'ai Chi: nel ChiRunning l'energia della corsa scorre attraverso di noi. Negli ultimi dieci anni la pratica del ChiRunning si è progressivamente diffusa negli Stati Uniti e in molti altri paesi, fino a costituire un vero e proprio fenomeno di massa.Appena arriverà farò un bel full-immersione poi vi farò sapere :)


sabato 5 luglio 2014

The Switch Aero System by Redshift Sports





Un simpatico Gadget che a qualcuno potrebbe tornare utile in tempo di crisi...invece di avere una bici per le gare di triathlon e una per le gare di granfondo....

venerdì 4 luglio 2014

foto Triathlon Sirmione 2014

Per fortuna il mal di panza di domenica+lunedi+martedi e pure un po' mercoledi me lo sono tolto dalle palle :-)

Domani dovrei ricominciare ad allenarmi.
Non avendo altri impegni sportivi fino a settembe penso che mi farò delle gran uscite in bike, un paio di corsette la settimana e in piscina vedremo...anche NO!

...DIMENTICAVO...
ecco un po' di foto (fatte da fotografi professionisti...o quasi) della gara di Sirmione di sabato scorso