lunedì 22 ottobre 2012

le tre "S"

Molta gente mi chiede consigli su come poter correre meglio e più velocemente.
La prima cosa che rispondo è che dovrebbero chiederlo a uno che corre bene e veloce :-)
La seconda cosa che rispondo è che nella mia piccola esperienza mi sono fatto un'idea...più che altro una teoria sulla corsa a piedi...la teoria delle tre "S".

1° S:
Silenziosi. Dovete essere silenziosi quando correte, non nel senso che dovete stare muti e non palare; sono le vostre scarpe che devono essere mute e non fare rumore :-)
Non so se vi è mai capitato di fare una sessione di allenamento a piedi e di essere particolarmente stanchi? Beh avrete notato che "s-ciabattavate", le vostre scarpe facevano un rumore fastidioso e sbattevano sull'asfalto.
Altresì vi sarà sicuramente capitato di fare un bell'allenamento tirato e di rumore scommetto che quella volta non ce n'era???? :-)
Quindi siate silenziosi.

2° S:
Sciolti. Avete mai visto uno che non ha mai corso in vita sua fare 1km di corsa?! Ha perfino i lobi delle orecchie contratti.
Le spalle super rigide, i pugni serrati, il collo durissimo, addome e petto di "marmo" e mandibola serata manco fosse ad un incontro di boxe.
Bene....tutte energie sprecate!
Ora pensate ai Keniani che corrono la maratona in 2:07....sciolti...tranquilli e per quando possibile rilassati.
Una volta ho letto un articolo di Baldini in cui diceva che "anche solo portare gli occhiali da sole in una giornata assolata, e quindi evitando di contrarre i muscoli della faccia per socchiudere gli occhi, può far guadagnare PREZIOSI secondi in una maratona"....provare per credere!

3° S:
Sottotono. A meno che non stiate facendo qualche lavoro IMPORTANTE (leggasi lavori di qualità per cercare di aumentare il ritmo), cercate di correre leggermente più piano della vostra "soglia".
Quando finite una corsa a piedi dovete essere felici...non distrutti dalla fatica.
Lasciate queste pene a chi se le merita ;-)




Nessun commento: