venerdì 30 aprile 2010

Assemblea azionisti Telecom Italia - intervento di Beppe Grillo

Assemblea azionisti Telecom - Intervento di Elio Lannutti - Beppe Grillo

Almeno qualcuno parla della situazione telecom che non è delle più rosee :-(

mai lasciare la strada vecchia per quella nuova

Ieri pomeriggio visita dalla Chiara per acquisto nuove scarpe.
Alla fine non ho avuto il coraggio di comprare un altro modello di scarpe e mi sono buttato su le sempre care asics ds trainer.

Fino a metà maggio userò quelle nuove per re ripetute e per il medio mentre i lunghi li gestisco con quelle vecchie, poi da metà maggio in poi (quando le scarpe nuove saranno rodate) userò il nuovo acquisto.

Ieri le ho provate per fare il medio:

1.5km a 5 e 30
7kma 4 e 50
1.5km a 5

a dire la verità avrei dovuto fare 9.5kma 4 e 50 ma dato che avevo dovevo provare le scarpe, non me la sono sentita di esagerare.

NOTE: piccolo fastidio al calcagno sotto a sinistra (fastidio tipo "inizio di vescichetta") ma probabilmente è dovuto al fatto che le scarpe sono ancora da "svezzare".

Stamattina nuto:

15' risc.
10x25 solo gambe
4x200 a 4'
6x100 a 2'
8x50 a 1'
defaticamneto
stretching

non molta strada...o meglio acqua...però alla fine ero mooolto stanco.

giovedì 29 aprile 2010

indecisione

Allora...ieri pomeriggio mezza giornata di permesso e via sul montello a far salite a "sbrega baeòn" (a "rompi pallone"= a tutta).
Stamattina mi son svegliato con un po' di male al tallone ergo mi vien da pensare che non siano le scarpe da corsa ma bensì la posizione in sella (che avevo abbassato notevolmente con l'acquisto delle scarpe nuove ndr) a darmi noia.


Poi ancora quell'informicolamento alla parte estrerna del solo piede destro....mi vien da pensare...
Ho alzato di circa 3 mm la sella e sabato vedo se cambia qualcosa.

Alla fine 90km di cui 30 km di agilità e ritorno a buona media con il mangiaebevi del montello preso bello gajardo :-)

Per ALVISE che ha chiesto gli auguri per lo sprint di villafranca:
IN BOCCA AL LUPO!!!
spacca tutto mi raccomando :-)

mercoledì 28 aprile 2010

martedi veloce

Ieri pomeriggio una serie di spesucce poi a casa a correre:
15' wu a 5 e 30
6x800mt a 4 e 05
recupero 1' e 30" corsa lenta
10' cd
stretching

per cena una super bisteccona con mega insalata.

Stamattina nuoto:
fondo leno (non avevo stimoli per fare qualità :-( )
30' stile con pb
20' stile con palette e pb
15'stile con pb un 25 lento e un 25 forte
8x25 solo gambe con tavoletta

martedì 27 aprile 2010

siccome non mi passa...

....un cazzo ieri pomeriggio ho deciso di comprarmi online in america (ergo mi arriverà tra una vita) degli spessori da mettere nelle tacchette speedplay per vedere se riesco a farmi passare il formicolio del mignolo alla gamba destra e epr vedere se riesco a spingere in maniera ottimale sempre con sta gamba destra che è na vita che non va come dovrebbe :-)

gli spessori son questi:

http://www.bikefit.com/prodcw4hole.php

e per capire cosa intendo fare eccovi il video esemplificativo sul sito speedplay:

http://www.speedplay.com/index.cfm?fuseaction=cg.thumbs&cgid=7

nota: cazzo siamo nel 2010 e per comprare due pezzi di plastica devo ordinarli online in america...che vergogna!!!

lunedì 26 aprile 2010

mai fare bici dopo il lungo a piedi

Come dal titolo del post si evince che sto weekend ho fatto una cazzata!
Per motivi puramente metereologici avevo deciso di fare il lungo a piedi (35kma a 5 e 20 circa :-) ) il sabato e poi la domenica di uscire in bici per il lungo in bici....ah!

Sabato:

32 km a a 5 e 20, devo dire che il fondo c'è, patisco moooolto meno rispetto l'anno scorso, e spero vivamente di risolvere il problema scarpe e dolorini vari (ho proprio scoperto che son le scarpe che mi fanno male al tallone, domani si va dalla Chiara e si cerca di sistemare!).
Stretching (molto) e per sicurezza una bella bustina di OKI la sera :-)

Domenica:

Sveglia alle 09:30 , pranzo e via per un "lungo" (in teoria) in bici sul montello...tragedia!
Avevo le gambe di mogano!
A differenza delle ultime volte (dove la gamba andava che era un piacere) ho fatto una fatica boia a tenere una media imbarazzante :-(
Morale della favola 110km in 4 ore e mezzo :-(
salite: marcà vecio, mostaccin da Maser (e discesa dallo stesso lato), salita di Asolo da Maser (l'ho fatta su e giù 4 volte di cui le ultime tre in posizione da crono...e andavo più veloce in crono che in posizione da salite...mah misteri della fede).
La tragedia è stata al ritorno....dopo Castelfranco andavo a 29km/h...altro che i 35km/h di sabato scorso dopo 140km :-( tristezzzzzza

venerdì 23 aprile 2010

mmmmh mi sa che son le scarpe allora!

Ieri pomeriggio un bel 8km a 4 e 30 a piedi, tutto relativamente bene se non che questa mattima mi son svegliato con il solito dolorino al calcagno :-( mmmmmh mi sa che son le scarpe allora!
La settimana prossima vado in negozio dalla chiara e vedo se riesco a sistemare il discorso "scarpe".

Poi ieri dopo la corsa un po' di addominali e spinnig.
Per cena una pizza; non so cosa avesse ma stanotte non ho dormito una sega, ho bevuto il piave dalla sete e stamattina alle sei, quando mi son svegliato per andare in piscina, ero ancora lì che ruttavo la pizza di ieri!

Morale della favola: in piscina 45' di fl e via a lavoro....non avevo proprio stimolo di nuotare oggi.


Domenica c'è la maratona del santo a Padova ....in bocca al lupo a tutti quelli che la corrono :-)

giovedì 22 aprile 2010

Ieri doppio allenamento

Ieri mattina nuoto nel pomeriggio una bella uscita in bici di 90km sul montello.
Andata (circa 35km) praticamente tutti in agilità sui 30km/H con il 39x17, qualche salitella, presa bene e il ritorno mai sotto i 37km/H...direi bene.
Dolori al tallone nulla...ergo non credo siano le scrape da bici che mi diano fastidio. Oggi provo a correre e domani mattina vediamo come mi sveglio...speriamo bene

mercoledì 21 aprile 2010

controllino

Allora....ieri giornata di riposo per cercare di far passare bene bene il dolorino al tallone....quindi mi sono messo a controllare le tacchette delle scarpe per la bici se erano messe in posizione giusta.
Perfette...l'unica cosa mi sono accorto che la tacchetta di destra è molto più rigida nel flottaggio...mmmhh ora cerco in rete qualche info a riguardo (ho provato a smontarla, ripulirla, oliarla ma nisba....dura rimane!).

Stamattina nuoto:

15'wu
10x100 in 2' un 100 forte e un 100 piano (ergo nei 100 forte riposavo 20" nei 100 piano riposavo5")
100 sciolti
8x75 come sopra a 1' e 30"
100 sciolti
6x50 come sopra a 1'
100 sciolti

poi
6 volte partenza da fermo a 5mt dal bordo con PB e arrivo a 5mt dall'altro bordo, 10" riposo e via ancora :-)

Alla fine ero bello cotto

martedì 20 aprile 2010

stasera faccio una prova

Oggi niente spinning e niente corsa a piedi :-) mi riposo; ergo farò una prova per vedere se il dolore al tallone è dovuto alle nuove scarpe da bici/posizione tacchette...domani l'esito della prova!

una pausa di riflessione

Ieri sera GAG e due ore di spin, ergo nulla di nuovo.
Oggi niente corsa a piedi (avrei avuto il solito allenamento veloce), riposo per vedere se il dolore al calcagno passa (è moooolto migliorato rispetto a ieri però non voglio rischiare nulla in questo delicato epriodo!!!).
Quindi oggi solo spin e nemmeno troppo tirato!
Il dolore spero solo sia un fastidio passeggiero, nel frattempo via di Oki e reparil :-)

lunedì 19 aprile 2010

mmmmh interessante

Un interessante articolo per capire la pronazione dal sito della ASICS

Pronare è il modo in cui il piede si piega verso l'interno quando durante la corsa rulla a contatto del terreno. E’ un movimento naturale che aiuta a ridurre la tensione articolare. Alcune persone hanno una pronazione più accentuata di altre. Non è un difetto, ma influisce sul modo in cui si corre e può aumentare la probabilità di lesioni e la naturale pronazione diviene un fattore importante nella scelta della scarpa.

La Pronazione

La Pronazione è il moto di rotolamento del piede verso l’interno, subito dopo la prima fase di contatto con il terreno. Questo momento è chiamato contatto iniziale, e fa parte della fase di appoggio del ciclo di deambulazione.

Quando si corre la pronazione aiuta ad ammortizzare il contatto iniziale, senza di essa, lo shock dell’ impatto col terreno verrebbe totalmente trasmesso alle gambe, rendendo la normale meccanica degli arti inferiori meno efficace.
Oltre ad ammortizzare, la pronazione aiuta anche il piede a riconoscere su quale tipo di terreno ci si muove, stabilizzando e regolando il piede al tipo di terreno.

Le calzature da running oggi sono progettate specificamente per diversi livelli di pronazione.
Al momento dell’ acquisto delle vostre scarpe da corsa, il grado di pronazione è un fattore che non va trascurato.

Glossario

Ciclo del cammino
Un ciclo completo di deambulazione inizia quando il piede entra in contatto con il suolo e si conclude quando lo stesso piede torna a toccare nuovamente il terreno.Il ciclo è costituito dalla fase di contatto/stacco cioè quando il piede tocca il terreno e di “swing” quando il piede è sollevato dal suolo.
Analisi del passo:
Valutazione professionale della biomeccanica del movimento durante la corsa (o il cammino), analizzando anche il grado di pronazione.
Laterali:
Si riferisce al lato esterno del piede.
Mediale:
Lato interno del piede.

Il modo migliore per scoprire se un atleta prona è quello di consultare un esperto che effettuerà un analisi del cammino per poi consigliare il modello più adatto.
Può essere utile far vedere il vecchio paio di scarpe, il loro stato di usura dà un' indicazione di quanto e di come si prona. L’analisi di altri elementi oltre la pronazione, come il peso del podista, svolgono un ruolo nella scelta della scarpa migliore.

Se le suole si usurano disegnando una S rovesciata a partire dal tallone sino all’alluce è molto probabile avere un appoggio neutro.
Quando si ha un appoggio neutro è possibile utilizzare una vasta gamma di scarpe, ma quelle più indicate per la corsa sono quelle neutre che offrono ammortizzazione e sostegno. La GEL-NIMBUS è il modello di punta tra quelle per corridori neutri.

Impronta di un corridore neutro

La Supinazione

La “sotto pronazione”, nota anche come supinazione, si verifica quando il piede non prona.
Il lato esterno/laterale del tallone tocca terra con un angolo maggiore, e non avviene né poca né alcuna pronazione, con conseguente trasmissione di traumatici shock alla parte inferiore della gamba. Questo caricamento laterale del piede continua per tutta la fase di contatto della rullata durante la corsa incidendo sull’efficienza del gesto (passo).

Supinazione

I supinatori possono avere un eccessiva usura nella zona del tacco esterno delle loro scarpe, e la parte superiore della tomaia può risultare leggermente piegata verso l’esterno.

Poiché i supinatori tendono ad essere più sensibili agli shock della corsa, come fratture da stress, dovrebbero scegliere una scarpa neutra con grande ammortizzazione, come la GEL-CUMULUS.
La maggior ammortizzazione aiuterà le articolazioni a sopportare il ripetersi delle fasi d’ impatto del piede con il terreno.
I supinatori dovrebbero evitare di utilizzare scarpe con l’intersuola a doppia densità, come ad esempio i modelli con il DUOMAX.

Pronazione

La Pronazione è quando il piede ruota eccessivamente all’interno, o ruota in un momento in cui non dovrebbe come per esempio nella tarda fase di appoggio durante la corsa.
Pronare sposta il carico sul lato interno o mediale del piede, e appena il corridore sposta in avanti il peso viene sostenuto dal bordo interno piuttosto che la pianta del piede. Questo destabilizza il piede, che tenterà di riconquistare stabilità compensando il movimento verso l'interno, in una sorta di reazione a catena, che a sua volta influisce sull'efficienza biomeccanica della gamba, in particolare del ginocchio e dell'anca.

Pronazione

Le scarpe di un pronatore mostreranno un usura accentuata sul lato interno del tallone e sotto la pianta del piede, in particolare nell’ area dell' alluce.

I Pronatori dovrebbero prendere in considerazione l’uso di scarpe con massimo sostegno o di scarpe ammortizzate e strutturate.
Scarpe ammortizzate e strutturate forniscono un certo grado di stabilità e ammortizzazione, mentre le scarpe con il massimo sostegno sono le scarpe più stabili che si possono trovare.
Le scarpe da corsa di entrambe le categorie, aiutano i piedi dei podisti a distribuire l'impatto della corsa in modo più efficace.
La GEL-KAYANO è il modello più strutturato e ammortizzato, mentre la GEL-EVOLUTION è il modello più affidabile nella categoria del massimo sostegno.

mucho gusto

Venerdi come al solito (anzi no perchè la mattina non ho nuotato ndr) gag e un'oretta di spinning.

Sabato 155km sui colli con con solo 70km di pianura, tutto il resto su e giù.
In totale 5 ore e mezzo in sella...la gamba sembra esserci.
Per la cronaca gli ultimi 10km controvento viaggiavo ancora sui 33km/h....non male dai!

Domenica sveglia alle 11:00 (avevo sonno!), pranzo leggero, piccola pulizia di casa e via per un lungo a piedi:
29km a 5 e 20 al km.....anche qua ho tenuto botta!

Stamattina mi son svegliato con uno strano dolore al calcagno.....mmmmh ora studio un po' in internet che può essere e vedo di risolvere....speriamo non sia nulla di grave :-)

venerdì 16 aprile 2010

martedi mercoledi giovedi

martedi:
corsa

15' wu a 5 e 30
3x16000mt a 4 e 20
recupero 1'
10' cd
poi un'oretta di spin e a casa a mangiare la pizza.

mercoledi:
donazione sangue, acquisto ruote per la bici fissa e ho portato a fare un po' di manutenzione le due bike (crono e salita).
niente nuto ndr

giovedi (ferie):
75km con la bici da croo in pianura:
15'wu
ripetute da 5' a 80% con recupero di 2 minuti
non so quante ne ho fatte ma alla fine ho fatto 75km di cui solo gli ultimi 15 di pseudorecupero e quindi senza ripetue.

Nel pomeriggio corsa:

3km a 5 e 30
5km a 4 e 30
2km a 5

un'oretta di spine tanto per gradire, e a casa a amangiare due etti di petto di pollo :-)

STamattina non ce l'ho prorpio fatta a svegliarmi per andare a nutare....sarà per la prox settimana!

lunedì 12 aprile 2010

sabato tranquillo, domenica di m..da :-)

Sabato un giretto in bici tranquillo per via del fatto che domenica dovevo fare 32km a piedi, ergo montello e 10 sfr da 3' con rapporto bello duro, ritorno a casa e un po' di riposo (in totale 90km).

Ieri mattina l'allenamento coprendeva un 32km a fl.

Devo ricordarmi assolutamente che prima di andare a fare il lungo devo "espletare"!!!!

diciamo che fino al 22km andavo da dio (5 e 20 al km...come da tabella).....poi tra il 22 e il 24 mi stavo letteralmente cagando addosso :-)

Ma tipo avete presente quei crampi cha si hanno quando non la si riesce proprio a tenere?!?! ecco uguale!!!!

praticamente correvo 500mt e poi mi fermavo piegato per non "farla uscire"...

Per fortuna passavo vicino a casa dei miei genitori, quindi mi son fiondato in bagno e ho partorito....poi vabbè, si sa che quando ti fermi son rogne ripartire :-(

Alla fine 3 ore e 06 (avrei dovuto metterci 2 e 53), ma nell'ultimo km son riuscito a fare pure uno scatto di 800mt a 4 e 50 :-)

Per rispondere ad Andrea nel commento:
Cancellara è un mito (anche se non penso che sia del tutto "lindo"), fa dei numeri che solo chi va in bici riesce a capire!
I miei amici che in bici non ci vanno non hanno idea di cosa voglia dire scattare dopo 220km a 60km/h e tenere poi per 50km i 40-50km/h da soli!
Beh nemmeno ho idea che cosa voglia dire (i 50km/h forse li faccio in discesa) :-) però posso immaginarlo :-).

Per il countdown....mmmmh si inquietante...speriamo bene va!

domenica 11 aprile 2010

Fabian Cancellara conquista la Parigi-Roubaix

CHE NUMERO!!!!

Fabian Cancellara ha vinto l’edizione numero 108 della Parigi-Roubaix. Il ciclista svizzero, al secondo trionfo in questa classica dopo quello del 2006, ha chiuso preceduto di due minuti il norvegese Thor Hushovd che in volata ha strappato il secondo posto allo spagnolo Juan Antonio Flecha. Settimo e primo degli italiani Filippo Pozzato, staccato di 3 minuti e 24 secondi, che si è aggiudicato il trofeo intitolato alla memoria di Franco Ballerini.

venerdì 9 aprile 2010

Giovedi di sangue :-)

Ieri pomeriggio ero abbastanza stanchino (forse reduce dai 150km a bomba di mercoledi), e dovevo pure fare il medio a ritmo gara...ben ciò!

Comunque sia ecco il menu:

1.5 km a 5 e 30
7km a 4 e 40
1.5km a 5

ROVINATO :-)

Poi un po' di stretching e via di spinning....per cena pizza e birrozza (ci stava tutta!).

Per rispondere al commento dell'amico/amica che mi ha scritto ieri:

Dare dei consigli sulla cora così a brucia pelo è sempre moooolto difficile (se non impossibile ndr).
Posso darti dei consigli di base perchè per poterti aiutare in maniera significativa dovrei conoscere troppi parametri (età, altezza, peso, background sportivo, qualità di vita che fai etc etc etc)....eccone alcuni:

- se vuoi cominciare a correre direi che il primo passo è quello di comprare buone scarpe (fatti consigliare da un commesso in un un negozio serio...per dire: non comprare le scarpe al decathlon dove le prenderesti da solo e a tua sensazione/gusto)
- un cardio
- abbigliamento tecnico (correre con una tuta di contone e i tubolari ascellari non è il massimo)

Sembrano banalità ma sono le basi se uno vuol cominciare a correre pseudo seriamente.
Per quanto riguarda l'allenamento:

- una seduta di corsa la settimana non serve a nulla (anzi secondo me fa pure male), due sono appena sufficenti, tre vanno bene, quattro benissimo, cinque sei un grande , sei comincia ad avere dei problemi mentali, sette sei da neuro :-)
Quindi direi che tre sedute di allenamento la sett possono andare bene (mart, giov e sabato/domenica)
- comincia graduatamente; a costo di fare 5' corsa+2' camminata+5' corsa.Per le prime volte 15' di corsa sono pure troppi, poi incrementa di un paio di minuti ogni settimana, vedrai che dopo due mesetti correrai 45/60' in scioltezza.

Per quanto riguarda la frequenza cardiaca (Fc) ti consiglio di rimanere sul 65-75% della tua FcMax...come si calcola?
NON USARE la formuletta che ti danno in palestra (220-età*%riferimento) MA usa la formula di Karvonen che è più veritiera:

220 - età = FC max
FC max - FC a
riposo = FC “di riserva”
FC “di riserva” x la % della FC max desiderata + FC a riposo = FC
allenante

dove FC a riposo è la frequenza che misuri appena sveglio, ancora steso a letto.

Esempio (calcolo il 65% e il 75% di un maschio di età 30 anni, FC a riposo=50):

220-30=190
190-50=140

140*0.65+50=141 battiti per il 65%
140*0.75+50=155 battiti per il 75%

I teoria per non sforzare troppo i cuore, non produrre acido lattico e fare un lavoro aerobico il corridore in esame dovrebbe correre tra i 141 e i 155 battiti al minuto.
Poi va da se che più tempo corri meglio è (correre un quarto d'ora fa consumare molto meno rispetto alla corsa di un'ora ....fermo restando che NON si può cominciare a correre subito un ora....troppo rischioso per muscoli, scheletro e legamenti vari).

In fine un cosiglio che ti do spassionatamente:
STRETCHING SEMPRE A FINE ALLENAMENTO! dura solo 5 minuti ma ti salva TUTTO!
Qualche seduta in palestra per potenziare chiena, addominali e qualche altro muscoletto non fa mai male!

Buona corsa :-)

mercoledì 7 aprile 2010

eeeeehh behh!!!

Ieri corsa con ripetute e spinning
Ecco le ripetute:

10'wu
5x1000 a 4 e 10
10'cd

desfà! (distrutto)

spinning e a casa a mangiare un leone!

Stamattina nuoto con ripetute:

15' risc
6x50 sl andata testa fuori - ritorno dorso
400 mt in 8'
300mt in 5' 45"
200mt 3' 20"
100mt 1' 35"

ogni serie sempre più veloce.
Praticamente il recupero tra una serie e l'altra diminuiva sempre di più (la prima fase l'ho fatta in 7' e quindi ho recuperato quasi un minuto, l'ultima l'ho fatta in 1' e 30" ergo non ho recuperato nulla).
100 sciolti
5x100 in 2' 1 cento piano, 1cento medio, un cento forte

desfà!!!


pranzo e a mezzogiorno via per un lungo in bici....meraviglia! finalemnte in divisa estiva...c'erano 24°C uno spettacolo.
Alla fine ho fatto 150km ad una media mostruosa e nel finale, dopo il 130km andavo ancora in pianura a 35/37km/h!!!

devo ricordarmi che:
-i copertoni vanno gonfiati a 8 atmosfere e non a 10 come domenica...(domenica avevo la schiena a pezzi).
-portare sempre panini in tasca e/o 5 o 10 euro in saccoccia....oggi che mi sono alimentato bene in bici nel finale ne avevo ancora da dare!

martedì 6 aprile 2010

elogio alla lentezza

sabato un bel lungo in bici, 125km sul montello con parecchio sali e scendi ad una media dignitosa.
Domenica elogio alla lentezza:
27km di corsa a piedi il mattino (con la sola colazione in corpo ndr) tra i 5 e 20 e i 5 e 45...insomma lentino ma ci metterei la firma a correre così in gara.
Domenica prox ho in tabella un lungone da 32km ma devo organizzarmi per i rifornimenti...mi accorgo sempre di più che fare sti lunghi mi distruggono sopratutto per la mancanza di "spugnaggi" e di rifornimenti...ho sempre fame e una sete boia quando corro :-(

venerdì 2 aprile 2010

e via!

Ieri sera corsa a piedi:

1.5km a 5 e 30
8km a 4 e 50
2.5mka a 5

la gamba rispondeva in maniera adeguata.

Poi un'oretta di spin e via a Castelfranco con i ragazzi di spin a mangiare una pizzotta.